Mobirise

SDDS Trailer

SDDS

Sony Dynamic Digital Sound è un sistema audio cinematografico sviluppato da Sony. Le informazioni audio digitali vengono registrate compresse su entrambi i lati esterni della pellicola 35 mm (oltre le perforazioni. Il sistema supporta fino a otto canali audio indipendenti: cinque canali frontali, due canali surround e un singolo canale sub-bass. La disposizione degli otto canali è simile ai formati audio magnetici dei film di grande formato come Cinerama e Cinemiracle. I cinque canali frontali sono utili soprattutto nelle sale cinematografiche con grande schermo, dove la distanza angolare tra i canali centrale e sinistro / destro può essere considerevole. I decoder SDDS offrono la possibilità di eseguire il downmix su un numero inferiore di canali, se necessario.

Mobirise

L'audio sulla pellicola...

Immagine di una pellicola 35 mm stampata con tutti e quattro i formati audio (o "quad track") - da sinistra a destra: SDDS (area blu a sinistra dei fori della ruota dentata), Dolby Digital (area grigia tra i fori della ruota dentata etichettata con il logo Dolby "Double-D" al centro), il suono ottico analogico (le due linee bianche a destra dei fori delle ruote dentate) e il codice temporale DTS (la linea tratteggiata all'estrema destra).

Mobirise

Disposizione Canali

Il formato supporta fino a 12 canali codificati utilizzando il codec ATRAC di Sony con un rapporto di compressione di circa 5: 1 e una frequenza di campionamento di 44,1 kHz.
La disposizione dei canali SDDS è con 5 canali anteriori, 2 canali surround e un canale subwoofer.
Inoltre ci sono 4 canali di backup codificati - in caso di danni a un lato o all'altro del film: Centro, Subwoofer, Mix di tutti i canali Left, Mix di tutti i canale Right.

Testa di lettura DFP-R3000
Il lettore SDDS è montato sopra al proiettore 35 mm. La pellicola viene fatta passare attraverso il lettore prima di passare attraverso l'obiettivo. Durante la riproduzione del film, i LED rossi illuminano le tracce SDDS mentre i CCD ( Charge-Coupled Devices ) leggono i dati SDDS e convertono il flusso di punti sulla pellicola in informazioni digitali . Queste informazioni vengono pre-elaborate nel lettore e trasmesse al decoder SDDS.
Decoder DFP-D3000 
Il decoder riceve le informazioni dal lettore e le traduce in segnali audio indirizzati agli amplificatori di potenza del cinema. Gli errori causati da graffi o danni alla pellicola vengono corretti utilizzando dati di ripristino degli errori ridondanti. SDDS è progettato per elaborare il suono interamente nel dominio digitale, bypassando qualsiasi processore analogico esistente, preservando la chiarezza e fornendo una gamma dinamica completa.

Un po di storia...

il progetto SDDS è stato presentato in anteprima il 17 giugno 1993, con il film "Last Action Hero". Da allora, più di 2000 film sono stati mixati in Sony Dynamic Digital Sound e già nel 1999 oltre 6.750 sale cinematografiche erano dotate di SDDS. Comunque, la tanto pubblicizzata capacità di riproduzione di otto tracce di SDDS non prese mai piede, poiché richiedeva la creazione di un mix audio separato ad otto canali oltre al mix di sei canali necessario per SRD e DTS, quindi una spesa aggiuntiva per gli studi. Così, degli oltre 2000 film mixati in SDDS, solo 97 di essi furono mixati per supportare gli 8 canali completi, la maggior parte dei quali distribuiti da Sony (tramite Sony Pictures / Columbia / Tristar). Inoltre, anche nei cinema, a causa delle spese aggiuntive, la maggior parte delle installazioni SDDS sono state installazioni a 6 canali (5.1), invece di installazioni a 8 canali (5.2.1).
Quando Dolby Digital (e, in misura minore, DTS) iniziò ad emergere come il chiaro vincitore nella battaglia del suono digitale su pellicola, Sony Cinema Products cessò la produzione di nuove unità di codificatori e decodificatori SDDS (inizio degli anni 2000) ma continuò a dare assistenza alle apparecchiature ancora utilizzate per diversi anni.

Built with Mobirise - See here